Viaggio a Parigi di 7 giorni

Iitinerario che comprende la visita di Tour Eiffel, Les Invalides, Bourbon Palais, Assemblea Nazionale, Opera Garnier, Musée d’Orsay, Tuileries, Place de la Concorde, Palais Royale, Musée du Louvre, Hotel de Ville, Sacre Coeur, La Fayette, Beaubourg, Les Halles, Ile de la Cité, Notre-Dame, Sainte-Chapelle, Arc de Triomphe, la Grande Arche, la Défense, la Villette, Place Stravinsky, Centre Pompidou, Trocadero.

Parigi, città stupenda, da vivere intensamente per cercare di coglierne, nella limitatezza temporale di una pur approfondita visita, gli aspetti più peculiari.
Quindi inutile pensare di poterla descrivere.
Cerco, con le mie immagini, a volte anche ripetitive, di farla “godere” a chi mi legge.

Proclama di De Gaulle ai francesi

Inizio la mia presentazione con la foto del proclama del Generale De Gaulle, proclama che mi ha particolarmente colpito per la sua intensità verbale, essendo state usate parole destinate ad andare direttamente nel cuore dei francesi.

Entriamo ora in Città.

Ritengo che non ci sia modo migliore se non quello di iniziare la visita dalla Torre Eiffel e dell’ adiacente zona monumentale nella quale si celebra Napoleone, Les Invalides (gli Invalidi, per dirla in italiano).

Proclama di De Gaulle ai francesi

Proclama di De Gaulle ai francesi

Parigi

La Torre Eiffel opera di Alexandre Gustave Eiffel

Vedere la Senna ed il Trocadero con l’ombra della Torre Eiffel ritengo possa essere uno dei migliori modi per immergersi nella città di Parigi. Siamo in cima alla Torre e ne ammiriamo il panorama: da una parte il maestoso Campo di Marte (Champ de Mars) oltre il quale si vede l’immenso edificio della Scuola Militare (Ecole Militaire).

Tour Eiffel

Tour Eiffel

Parigi

Palazzo del Trocadéro, Palazzi della Défense e Campo di Marte

Dall’altra, oltre la Senna, la grande vasca ed i giardini antistanti il Palazzo di Chaillot (Palais de Chaillot) costruito per l’Esposizione Internazionale del 1937 sul luogo dove sorgeva il Palazzo del Trocadéro, del quale prendono il nome i giardini e le belle fontane illuminate.
Andando oltre con lo sguardo si può ammirare il Bois de Boulogne, il magnifico parco dei parigini.
Si notano anche i grandi palazzi della Défense.
Scendiamo dalla Torre, percorriamo il Campo di Marte e, fiancheggiando la parte sinistra della Scuola Militare, arriviamo a Les Invalides.

Trocadero, Palazzo di Chaillot

Trocadero, Palazzo di Chaillot

Parigi

Edifici degli Invalidi, Dome des Invalides, statua e tomba di Napoleone

L’immenso complesso dei seicenteschi edifici degli Invalidi è recintato da un bel cancello.
Nel mezzo troneggia nella sua maestosità il Dome des Invalides.
Su un lato, in una nicchia, la statua di Napoleone.
L’interno è semplice ma maestoso ed accoglie, nelle varie cappelle, le tombe dei marescialli e dei parenti di Napoleone.
Al centro la cripta con la tomba di Napoleone conservata all’interno di un grande sarcofago di granito rosso.

Dome des Invalides

Dome des Invalides

Parigi

Assemblea Nazionale, l’Opera e l’interno del Museo d’Orsay

A Parigi, comunque e dovunque ci si muova, non si possono che incontrare monumenti, tutti importanti.
Ho voluto così illustrare l’Assemblea Nazionale, l’Opera e l’interno del Museo d’Orsay.
Il Museo d’Orsay è uno dei più importanti di Parigi. E’ stato ricavato dalla stazione ferroviaria Gare d’Orsay, dismessa nel 1945, e riconvertita nel 1986 in Museo, mantenendo gran parte dell’originale architettura.

L’Opera

L’Opera

Parigi

Piazza della Concordia, Palazzo Reale e Museo del Louvre

Attraversi la Senna e sei già in Piazza della Concordia (Place de la Concorde) al Palazzo Reale (Palais Royale) ed al Museo del Louvre (Musée du Louvre).
Non fai più di trecento metri ed ecco la Piazza del Municipio mentre vedi svettare, su a Monmartre, la chiesa del Sacro Cuore.

Museo del Louvre

Museo del Louvre

Parigi

Municipio (Hotel de Ville)

Hotel de Ville, ovvero il Municipio, è un bell’edificio monumentale, ma ha anche un aspetto pittoresco grazie alla torretta centrale e alle alte cupole. Inoltre la facciata è riempita con una moltitudine di statue.
Basti pensare che 136 sono solo quelle dei personaggi celebri.
Numerose sono le figure allegoriche sistemate intorno all’orologio.
Romantica una passeggiata serale con l’illuminazione dei bei lampioni e le fontane illuminate.

Il Municipio

Il Municipio

Parigi

 

Basilica del Sacro Cuore (Sacré-Coeur)

Montmartre non è vicina ma d’infilata, tra i palazzi, già si vede stagliarsi, sulla sommità della collina, la bianca basilica del Sacré-Coeur.
Arrivare sino in cima è faticoso attraverso le molteplici rampe di scale, ma molto romantico.
La basilica è molto più bella vista da lontano che non da vicino.
Ho voluto cogliere una suggestiva immagine interna con il riflesso delle colorate vetrate che tinteggiano le colonne interne.

Il Sacro Cuore

Il Sacro Cuore

Parigi

Stazione della Metropolitana e Grandi Magazzini La Fayette

Bella l’idea di aver rappresentato con insegne anni venti l’ingresso di alcune stazioni della metropolitana.
L’interno dei Grandi Magazzini La Fayette li ho voluti ricordare con una foto fatta con il fish-eye.
Bellissimo è girare Parigi a piedi, percorrere i larghi viali alberati con ampi marciapiedi.
La città non smette mai di stupire.
Proseguiamo la nostra visita ed ecco il Beaubourg e Les Halles.
Magazzini La Fayette

Magazzini La Fayette

Parigi

Centre Pompidou di Renzo Piano

Il Centre Pompidou è un edificio costruito da architetti di fama internazionale, tra cui il nostro Renzo Piano, che hanno avuto l’ardire di mettere all’esterno dell’edificio tutto ciò che, di solito, è nascosto all’interno.
Così le scale mobili, gli ascensori, i tubi dell’aria condizionata, quelli dell’acqua e quant’altro è tutto messo all’esterno.

Centro Pompidou

Centro Pompidou

Parigi

Piazza Igor Stravinsky

Dall’alto del Centro si ammira la sottostante piazza intitolata ad Igor Stravinsky nella quale domina la prima fontana moderna di Parigi, opera degli architetti Niki de Saint Phalle e Jean Tinguely.
Il moderno, non sempre incontra i gusti di persone di una certa età, come chi sta scrivendo.
Eppure questa fontana mi ha affascinato.
Ed a poche centinaia di metri altro esempio di modernismo.

Piazza Stravinsky

Piazza Stravinsky

Parigi

Les Halles (già magazzini generali)

Sino alla fine degli anni ’60 la zona era occupata dagli enormi padiglioni in ferro dei magazzini generali ed era conosciuta con il nome de Les Halles, il cuore…commestibile di Parigi, sin dalla fine dell’XI^ secolo.
Tutto venne distrutto per far sorgere il modernissimo Forum con negozi, ristoranti, piscina, giardini, fontane e la più grande stazione metropolitana di Parigi.

Les Halles

Les Halles

Parigi

Chiesa di Sant’Eustacchio (Saint Eustache)

Oltre la piazza la grandiosa Chiesa di Sant’Eustacchio (Saint Eustache) che viene considerata la più bella chiesa di Parigi, dopo Notre-Dame.
Nella piazzetta antistante la chiesa altro accostamento con il moderno: la scultura di Henri de Miller, l’Ecoute.

Sant’ Eustacchio

Sant’ Eustacchio

Parigi

Cattedrale di Notre Dame nell’ Isola della Senna (Ile de la Cité)

Prospiciente, in mezzo al fiume, c’è l’Isola della Senna (Ile de la Cité) dove sorge la stupenda cattedrale di Notre Dame.

Cattedrale di Notre-Dame

Cattedrale di Notre-Dame

Parigi

Santa Cappella (Sainte-Chapelle)

Sempre sull’isola, quasi di fronte a Notre Dame, si trova la Santa Cappella (Sainte-Chapelle).
E’ di grande bellezza sì che nel medioevo i fedeli gli dettero il nome di “porta d’ingresso al Paradiso”.
Vi sono due cappelle, quella superiore, una volta riservata alla famiglia reale, e quella inferiore riservata al popolo.

Sainte-Chapelle

Sainte-Chapelle

Parigi

La Défense

I francesi vogliono sempre stupire e con La Défense ci sono riusciti ancora.
L’emblema del quartiere è il moderno Arco di Trionfo, il Grande Arco (La Grande Arche).
All’interno della Grande Arche sono state posizionate, allacciate da cavi, ma sospese nel vuoto, delle vele, a simboleggiare il fluttuare di immaginarie “nuvole” destinate ad animare lo spazio centrale dell’arco.
Il nome trae origine dalla statua del 1883 chiamata “La Défense de Paris”.
Di grande spessore i monumenti presenti nell’area. Potranno anche essere discussi per la loro modernità, ma rappresentano pur sempre un coraggioso esempio di novità da sottoporre al giudizio delle nuove generazioni.

La Défense

La Défense

Parigi

La Villette, città della Scienza e della Tecnica

La Villette è la città della Scienza e della Tecnica. Molto frequentata dai francesi per avere diverse zone a tema, quali ad esempio: la città dei bambini, il planetario, la città dei mestieri, l’acquario ed altro ancora.

La Villette

La Villette

Parigi

Cimiteri monumentali (tombe di Ive Montand e Simone Signoret e di Jim Morrison (leader dei Doors)

In città diversi sono i cimiteri monumentali.
Meritano di essere visitati perchè numerose tombe sono autentiche opere d’arte.
Da parte mia ho voluto ricordare tre miti:
Ive Montand e Simone Signoret per il loro grande amore
Jim Morrison, leader dei Doors, per i più giovani.
Parigi è città di tale bellezza nella quale ci si può tornare innumerevoli volte per coglierne aspetti sempre nuovi.
Non mi dispiacerebbe viverci.

Tomba di Jim Morrison

Tomba di Jim Morrison

Parigi