11/2010 - Thailandia, Triangolo d’oro

Viaggio di 4 giorni in Thailandia, zona del Triangolo d’oro, visitando la città di Chang Rai, il tempio Wat Rong Khun, il Parco culturale Rai Mae Fah Luang, la città di frontiera di Mae Sae, il “Tempio dei galli”, il villaggio di Sop Ruak, l’antica cittadina di Chiang Saen con i suoi antichi templi, il villaggio Doi Sahgo, la villa reale ed i giardini di Doi Tung, una piantagione di thè ed il villaggio di Doi Mai Salong

Arriviamo la sera tardi a Chang Rai dove alloggiamo nel caratteristico Hotel The Legend. Il giorno successivo, nei dintorni della città, visitiamo il tempio buddista ed induista Wat Rong Khun (Tempio bianco) realizzato in gesso bianco e specchietti che creano dei giochi di luce sempre diversi.

Successivamente visitiamo il parco culturale Rai Mae Fah Luang nel quale spicca per bellezza il Haw Kham (Golden Pavillon). E’ conosciuto anche con il nome di “Giardino della Regina” in quanto le venne donato in occasione del suo 84mo compleanno.

Lungo la strada che ci porta Mae Sae, cittadina di frontiera con la Birmania, incontriamo un tempio molto strano, non nominato dalle guide, al quale abbiamo dato il nome di “Tempio dei galli” (vedere la galleria fotografica per capire).
Proseguiamo per il punto che è all’apice del “triangolo d’oro” dove la Thailandia confina con la Birmania e con il Laos. Ammiriamo quanto descritto dalla cima della collina. Adiacente l’ìnteressante tempio Wat Phra That Phu Khao che scende sino al sottostante villaggio Sop Ruak, in riva al Mekong.

Visitiamo Sop Ruak, villaggio con un grande tempio edificato sulla riva del Mekong, sulle acque del quale abbiamo fatto un’escursione in barca. Abbiamo così potuto godere scene di vita locale: pescatori, e pescatrici, sia in riva che in barca. Ed infine una serie di piccole casette in legno situate sulla riva. Tutto potevamo pensare fossero, tranne che “ristoranti”.

Ci trasferiamo nell’antica cittadina di Chiang Saen per la visita degli importanti templi che la circondano.
Il primo che visitiamo è il tempio Wat Phra That Cham Kitti; risale al X^ secolo ed è situato sulla sommità di una collina dalla quale si godono ottimi panorami.

Altro suggestivo tempio è il Wat Pa Sak situato all’interno del bosco formato da alberi di teak. Il Chedi risale al 1295 ed è il più antico della città.
Il tempio Wat Chedi Luang è il più grande, risale al XII^ secolo, ed è circondato da un mercatino nel quale si vendono stoffe e cibi.

Saliamo in un “e-tan”, veicolo locale con il quale attraversiamo la campagna dove vediamo contadini raccogliere il riso, sino a giungere al villaggio Doi Sahgo dove veniamo accolti da donne e bambini vestiti con i costumi locali. Mangiamo nel locale “agriturismo” e passeggiamo nel piccolo villaggio.

Visitiamo la Villa reale di Doi Tung costruita, nel 1988, sulla cima della montagna, in ottima posizione panoramica con lo scopo di rendere turistica la zona, ma soprattutto, per cercare di eliminare la produzione di oppio. La villa è circondata da belle aiuole fiorite.
A poca distanza visitiamo un grande giardino con laghetti, giochi d’acqua oltre a magnifiche e scenografiche esposizioni floreali.

Visitiamo la più importante piantagione di the della zona dove possiamo ammirare sia la coltivazione che la lavorazione del the. Terminiamo con la degustazione fatta con la locale preparazione. Ci trasferiamo nel villaggio di Doi Mae Salong per ammirare il mercatino del paese. Numerose le donne vestite con i costumi tipici dell’etnia di appartenenza.