01/ - Libia, l’Akakus: Wadi Adad, Awiss, Alkamar (“paesaggio lunare”)

Guarda l'intero viaggio! Libia 2^parte, il deserto, l’Akakus e laghi di Ubari
  • Libia, Akakus: Campo Alfaw
  • Libia, Akakus: Campo Alfaw
  • Libia, Akakus: Campo Alfaw
  • Libia, Akakus: Campo Alfaw
  • Libia, Akakus: Tuareg
  • Libia, Akakus: Tuareg
  • Libia, Akakus: Awiss
  • Libia, Akakus: Awiss
  • Libia, Akakus: Awiss
  • Libia, Akakus: Wadi Adad
  • Libia, Akakus: Awiss
  • Libia, Akakus: Wadi Adad
  • Libia, Akakus: Wadi Adad (pranzo)
  • Libia, Akakus: Wadi Adad
  • Libia, Akakus: Wadi Adad (pranzo)
  • Libia, Akakus: Wadi Adad (pranzo)
  • Libia, Akakus: Wadi Adad (pranzo)
  • Libia, Akakus: Alkamar
  • Libia, Akakus: Alkamar
  • Libia, Akakus: Alkamar

Iniziamo questo quinto giorno nel deserto con una leggera pioggia autunnale. Non pioverà tutto il giorno, ma il tempo atmosferico rimarrà sempre coperto con nuvole cariche di pioggia e le foto ne soffriranno molto.
Poco dopo la partenza ci fermiamo a Wadi Adad, luogo simbolo dei Tuareg, per la roccia a forma di pollice.
Entriamo nell’ampia zona dell’Awiss, formata da diversi wadi, che ci offre uno stupendo spettacolo naturale: viaggiamo su un tappeto di sabbia rossa mentre intorno si innalzano archi, pinnacoli e rocce che assumono le forme più inverosimili.
Anche in questa giornata visitiamo diversi siti di arte preistorica che illustro nella successiva galleria.
Dopo la sosta per il pranzo, circondati da cammelli al pascolo, iniziamo a percorrere la zona dell’Akakus che i Tuareg chiamano Alkamar, cioè “paesaggio lunare”. Ancora sabbia, ancora rocce nere, ancora paesaggi di una bellezza affascinante, anche se, la presenza delle nuvole, non ci permette di avere una buona luce.
Terminiamo la giornata con un’ultima emozione: Shik ci fa salire con il fuoristrada su una duna molto pendente fermandosi sulla cima con “la pancia” del veicolo, ridiscendendola nonostante la ripidissima discesa.

Guarda l'intero viaggio! Libia 2^parte, il deserto, l’Akakus e laghi di Ubari