01/ - Libia, il deserto: Msak Mellet (incisioni rupestri), Passo Abahoa, Wan Kasa (dune multicolori)

Guarda l'intero viaggio! Libia 2^parte, il deserto, l’Akakus e laghi di Ubari
  • Libia, Msak Mellet: incisioni rupestri
  • Libia, Msak Mellet: incisioni rupestri
  • Libia, Msak Mellet: incisioni rupestri
  • Libia, Msak Mellet: incisioni rupestri
  • Libia, Msak Mellet: incisioni rupestri
  • Libia, Msak Mellet: “Ristorante Venezia”
  • Libia, Msak Mellet: incisioni rupestri
  • Libia, Msak Mellet: incisioni rupestri
  • Libia, Msak Mellet: “Ristorante Venezia”
  • Libia, Msak Mellet: “Ristorante Venezia”
  • Libia, Msak Mellet: “Ristorante Venezia”
  • Libia, Wan Kasa: dune di sabbia
  • Libia, Wan Kasa: dune di sabbia
  • Libia, Wan Kasa: dune di sabbia
  • Libia, Akakus: panorami
  • Libia, Akakus: panorami
  • Libia, Wan Kasa: dune di sabbia
  • Libia, Akakus: nostro accampamento
  • Libia, Akakus: nostro accampamento
  • Libia, Akakus: panorami
  • Libia, Akakus: nostro accampamento

Il giorno successivo, usciti dalle dune del Murzuq, iniziamo a percorrere lentamente una pista molto difficile per la grande quantità di pietre nere che la compongono.Incontriamo poi un sito ricco di incisioni rupestri.
La pista diventa sabbiosa anche se circondata da montagne di pietra nera: è il Msak Mellet.
Ed è all’ombra di un grande albero il luogo dove apriamo il….”Ristorante Venezia”.
Nel pomeriggio, dopo aver superato il Passo Abahoa, giungiamo nel mare di sabbia formato dalle dune di Wan Kasa (o Caza). Le dune assumono colori diversi a seconda della luce: vanno da un rosa pallido ad un grigio chiaro. Ed era nel mezzo di queste dune che dovevamo trascorrere la nostra seconda notte nel deserto, ma Shik, il nostro capo Tuareg, a causa del forte vento levatosi all’improvviso, ha ritenuto opportuno proseguire sino all’Akakus dove è più facile trovare posti al riparo del Garbi (il nome del vento).
Lasciato Wan Kasa il panorama cambia ancora: viaggiamo su un sottile strato di sabbia, circondati da una parata di torri e pinnacoli di roccia nera.
Nonostante Shik abbia scelto per il campo un posto molto riparato, durante la notte siamo stati disturbati da un impetuoso vento caldo.

Guarda l'intero viaggio! Libia 2^parte, il deserto, l’Akakus e laghi di Ubari