09/2002 - Italia, delta del Po

Fine settimana sul Delta del Po con un itinerario che comprende la visita di Mesola, Castello Estense, Torre dell’Abate, Bosco di Santa Giustina, Alfonso II^ d’Este, Po di Gnocca, Faro del Bacucco, Isola dell’Amore, Sacca di Scardovari, Porto Tolle, Po della Tolle, Val Cavallina.

Iniziamo la nostra visita subito dopo Mesola (dominata dal Castello Estense della fine del ‘500) precisamente dalla Torre dell’Abate situata all’interno del bosco di Santa Giustina. La torre, costruita nel ‘500 da Alfonso II^ d’Este, aveva la duplice funzione di chiusa idraulica e di torre difensiva. Stupendo il paesaggio che la circonda.
Proseguiamo quindi lungo il Po di Gnocca sino a raggiungere il mare.
In fronte abbiamo il faro del Bacucco avanti al quale vi è l’omonima isola detta anche “Isola dell’Amore”. Risaliamo quindi il fiume, sempre sulla sommità dell’argine per godere del panorama, ed infatti verso l’interno ammiriamo le gialle distese di risaie mentre, sulla riva del fiume, numerose sono le caratteristiche “bilance” dei pescatori.
Arriviamo a Gorino Sullam, percorriamo parte dell’argine che circonda la Sacca di Scardovari, attraversiamo lo storico ponte di barche nel mezzo del quale vi è un bel capitello fiorito.

Percorriamo il ramo del Po di Gnocca, superiamo Porto Tolle, rientrando alla Sacca di Scardovari percorrendo la strada che circonda la Val Cavallina.
Belli i paesaggi, numerosi i casoni da pesca, interessante la gita in barca per percorrere la laguna. Pur non essendo la stagione adatta per il passaggio degli uccelli, abbiamo avuto comunque modo di vedere cormorani, garzette, falchetti e lo stupendo airone cenerino.