11/2013 - Emirati Arabi: Dubai

viaggio di 5 giorni a Dubai, negli Emirati Arabi, visitando Dubai Marina, la vecchia Dubai, Dubai Creek, il quartiere storico di Bastakiya, il Forte Al Fahidi, il Bur Dubai Souq, il Deira Gold Souq, il Deira Spice Souq, il lussuoso algergo Burj al Arab, il Souk Madinat Jumeirah, via pedonale JBR (Jumairah Beach Residence), Hotel Atlantis the Palm, il centro commerciale Wafi Mall, il Khan Murjan Souq, il centro commerciale Dubai Mall, l’Aquarium, il grattacielo Burj Khalifa, il centro commerciale Mall of the Emirates, Dubai Ski (stazione sciistica al coperto).

Arrivati a Dubai ben oltre la mezzanotte, è solo il giorno successivo che iniziamo a prendere contatto con la città.

Alloggiando a Dubai Marina attraversiamo tutta la città in un’alternanza di zone aride e sabbiose e di zone dove sorgono interi quartieri con modernissimi e gradevoli grattacieli.

Giungiamo nel cuore della vecchia Dubai e subito saliamo su una caratteristica imbarcazione con la quale percorriamo il Dubai Creek, porto canale che taglia in due la città vecchia.

All’interno del quartiere storico di Bastakiya visitiamo il Forte Al Fahidi, sede del Museo di Dubai.

Effettuiamo quindi la visita dei souq più caratteristici: il Bur Dubai Souq, il più vecchio, il Deira Gold Souq, il più famoso e il Deira Spice Souq, il più strano.

Il più interessante è il Gold, mentre gli altri due hanno perso le originali caratteristiche.

Il lussuoso albergo Burj al Arab, a forma di vela, sorge su un’isola artificiale (da lontano sembra poggiare sul mare).

Vani i nostri tentativi di andare a visitare (almeno) il favoloso ed immenso ingresso rivestito con 1.600 metri quadri di foglie d’oro. Lo illustro con una breve galleria, ma è immortalato anche dall’elicottero – vedi oltre.

Illustro i panorami goduti prima di giungere al Souk Madinat Jumeirah, quindi l’ingresso, alquanto anonimo, dal quale si iniziano a percorrere un dedalo di corridoi e piazzette, ricostruendo così un moderno souq, con negozi e ristoranti. Il tutto è sovrastato da vari lussuosi alberghi tutti collegati da una serie di canali (a somiglianza di Venezia) che si possono navigare a bordo di un abra, imbarcazione tipica.

Con un bus turistico scoperto abbiamo effettuato il giro notturno di Dubai per ammirare i numerosi grattacieli illuminati con giochi di luce che le foto non possono illustrare compiutamente (quasi sempre scattate in movimento).

Abbiamo alloggiato all’Hotel Sofitel di Dubai Marina (in città altri 2 o 3 Sofitel) che si affaccia sulla famosa via pedonale JBR (Jumairah Beach Residence) dove insistono numerosi negozi e ristoranti.

In fase di ultimazione una grande isola a forma di palma (vedi elicottero) al termine della quale è stato costruito un mastodontico Hotel dalle forme molto originali, l’Atlantis the Palm, con oltre duemila camere.

Il tanto atteso (e costoso) viaggio in elicottero sopra Dubai è stato deludente per il mediocre risultato degli scatti fotografici in quanto disturbati, oltre che dal riflesso del finestrino, dall’evaporazione dell’acqua marina e dal vento che ha sollevato la sabbia del deserto.

Ne faccio vedere solo alcune perché chi mi legge possa assaporare l’effetto che fa vedere i grattacieli….dall’alto.

Il Wafi Mall è un centro commerciale costruito su tema egizio con accanto un albergo a forma di piramide.

All’interno numerosi negozi e ristoranti oltre a boutique di stilisti di fama internazionale.

Di interesse, al piano sotterraneo, il Khan Murjan Souq, con negozi in stile arabo, così come i ristornati.

Il Dubai Mall è il più grande centro commerciale del mondo con oltre 1200 negozi e 160 ristoranti.

Con la galleria fotografica ho voluto rappresentare solo la zona nella quale espongono le più grandi firme della moda mondiale.

All’interno del Dubai Mall un Aquarium disposto su tre piani con una vetrata unica…la più grande del mondo.

Scenograficamente stupendo comprende anche un “underwaterzoo” nel quale possono essere ammirati numerose specie di rari animali acquatici.

Esternamente un grande lago artificiale sul quale si affacciano numerosi grattacieli, tutti con caratteristiche architettoniche singolari, oltre al noto Burj Khalifa (vedi galleria apposita).

Con il calar del sole e l’accendersi delle decorazioni luminose l’atmosfera si fa magica.

….e la magia arriva al suo massimo grado quando iniziano a….danzare le fontane illuminate.

Il tutto in sintonia con stupende melodie musicali.

 

Chi lo desidera può vedere e sentire “suoni e luci” cliccando sui seguenti link di youtube:

www.viaggiaresempre.it – Dubai – suoni e luci – Bocelli – Con te partirò

www.viaggiaresempre.it – Dubai – suoni e luci – Witney Houston: I will Always love you

www.viaggiaresempre.it – Dubai – suoni e luci – musica locale

 

 

 

Il Burj Khalifa, con i suoi 828 metri di altezza è, per ora, il grattacielo più alto al mondo. Eppure, forse perché non è affiancato da edifici altrettanto importanti, non si ha la percezione di tanta altezza.

Siamo saliti al 124^ piano, punto di osservazione dal quale si ammirano panorami notturni molto belli.

Altro importante centro commerciale è il Mall of the Emirates.

Più raccolto rispetto al Dubai Mall, più datato nell’architettura, anch’esso con numerosi negozi, anche d’alta moda, ristoranti, un negozio di giocattoli su due piani, e………………

…e nella parte sud del complesso si entra in una…stazione sciistica al coperto.

Appassionato di sci non potevo esimermi dal provare a sciare….nel cuore del deserto (30 gradi all’esterno, – 3 all’interno). Stazione sciistica costruita con molta cura, si scia su ottima neve, in una pista di media pendenza e non cortissima. Un’emozione da non farsi mancare.

 

Chi vuole può aprire i seguenti link per vedere come si scia a Dubai:

www.viaggiaresempre.it – anche a Dubai si può….sciare

www.viaggiaresempre.it – anche a Dubai si può….sciare

 

 

Il nostro soggiorno a Dubai è giunto al termine. Partiamo dall’Hotel poco dopo l’alba il che ci ha permesso di scattare le ultime foto di questa città, estesa su immense superfici, che diventerà, se si avvereranno le intenzioni delle autorità economiche locali, il luogo dove andrà a svernare il mondo intero.