11/2003 - Ecuador: Quito

Viaggio in Ecuador di 6 giorni visitando Quito, Mitad del Mundo, Isole Galapagos.
Breve e difficoltosa la nostra visita di Quito, capitale dell’Ecuador.
Breve per il ritardo con il quale è arrivato il volo aereo, difficoltosa perchè, perse le ore di luce, abbiamo dovuto visitare il centro storico della capitale con luminosità precaria, dovuta anche al tempo atmosferico: piovoso e con nuvole basse.

Bella la Piazza dell’Indipendenza sulla quale si affacciano il Palazzo del Governo e la Cattedrale di Quito.

Il Palazzo del Governo è un edificio basso e bianco nel quale la presenza del Presidente è testimoniata con la bandiera nazionale che sventola sulla sua sommità.
Due guardie in alta uniforme presidiano l’ingresso principale mentre è proibito entrare all’interno del palazzo.
Ho potuto solo scorgere ingresso e scalinata interni.

Per l’ora tarda chiuse erano la Cattedrale e la Compagnia di Gesù, chiesa quest’ultima, che i “Quitenos” considerano la più bella dell’Ecuador.

Troviamo invece aperta la chiesa di San Francesco, la più antica dell’Ecuador.
Molto bello il soffitto della navata centrale, mentre è finemente lavorato l’altar maggiore.
Viene infatti ritenuto uno dei capolavori dell’arte barocca.

Non poteva mancare la visita al luogo più simbolico dell’Ecuador: il luogo dove passa l’equatore.

Sul luogo è stato costruito un monumento chiamato la Mitad del Mundo.
Nel 1736, a seguito di complicate misurazioni, venne accertato che in quel luogo passava l’equatore (segnato con la linea rossa). Questi calcoli dettero origine al sistema metrico decimale, oltre a provare che la terra è schiacciata ai poli e, quindi, rigonfia all’equatore.
All’interno del monumento molto interessante è stata la visita al Museo Etnografico.